Dal Gazzettino del 25 febbraio 2011

RUGBY Formazione anti Galles: inseriti Dellapè, Barbieri e Burton

L’Italia riparte dal pack

Mallett punta su conquista e difesa. Ma dietro la mischia servono idee

 Antonio LIVIERO

 Gli stereotipi sono letali nel rugby. Farà bene a ricordarsene l’Italia domani al Flaminio col Galles. Si parla dei Dragoni come di una squadra talentuosa nel gioco di movimento e sicuramente lo è. Però il Galles in questo momento esprime una realtà tattica più complessa. In due partite ha segnato tre mete (cosa non trascendentale) con un gioco fatto di conservazione e calci. Le sue azioni sono lunghe, impastate di raggruppamenti a catena, di impatti sui quali si va a terra più che restare in piedi (appena 3 offloads con la Scozia), si pulisce e libera rapidamente. Alterna penetrazioni vicine alle ruck a quelle più al largo. Ma soprattutto è la squadra che usa di più i piedi: 47% di possessi calciati contro l’Inghilterra, 43% con la Scozia. Dato quest’ultimo che dovrebbe indurre Mallett, che ieri ha annunciato la formazione confermando le indiscrezioni su Burton al posto di Orquera, ad utilizzare il mediano in copertura profonda.

      Il citì però punterà soprattutto a ritrovare solidità in touche e in difesa, dopo il naufragio di Twickenham, e a capitalizzare meglio la supremazia in mischia chiusa (punto debole degli avversari) in termini di calci di punizione conquistati, cartellini gialli e destabilizzazione delle basi d’attacco gallesi. L’ingresso di Dellapè per Del Fava va letta in questo senso specie per le rimesse laterali, mentre quello di Barbieri dovrebbe assicurare una maggior presenza difensiva nella zona della cerniera. «Cerchiamo una grande prestazione, perchè a Londra non si è vista la vera Italia» dice Mirco Bergamasco. «Conquista e difesa saranno essenziali» aggiunge Dellapè.

      Ma per quanto la mischia rimanga fondamentale, non può bastare da sola a vincere la partita. Dietro al pack l’Italia ha bisogno urgente di trovare qualche idea per costruire un minimo di gioco sia stretto che al piede, sia alternando inserimenti di Masi nella zona dei centri. Il suo riscatto passa da qui.

      FORMAZIONE- McLean; Masi, Canale, Sgarbi, Mi.Bergamasco; Burton, Semenzato; Parisse (c.), Barbieri, Zanni; Geldenhuys, Dellapè; Castrogiovanni, Ghiraldini, Perugini.
…………………………………………….

 CELTIC LEAGUE

 Treviso in emergenza a Dublino: Nitoglia mediano

  (a.li.) Benetton in piena emergenza stasera a Dublino (ore 20,10 diretta su Dahlia) in Celtic League. Oltre al tributo alla Nazionale (12 giocatori) ci sono infortuni in ruoli chiave, come quello del mediano di mischia Botes. Così a guidare il pacchetto sarà improvvisato Nitoglia, mentre per la panchina è arrivato in prestito dal Petrarca Michele Sutto.      La trasferta è di quelle dal pronostico già segnato. Il Leinster, quarto in classifica, deve a sua volta fare i conti con le numerose convocazioni per il Sei Nazioni, ma può contare su una rosa ampia, di qualità e giovani di talento. Ha perso la scorsa settimana a Cardiff, oltre che all’andata a Treviso, e sicuramente concederà poco. Il Benetton insegue il primo successo all’estero. «Ma il segreto per vincere fuori casa e non pensarci troppo» assicura il tecnico Franco Smith. Tra i biancoverdi tornano De Waal e Maddock.
…………………………………………………….

Leoni a Dublino: la meta è vincere    

Biancoverdi senza 13 atleti. Leinster privo di 10 nazionali

Ennio GROSSO

Questa sera a Dublino, sul terreno del RDS (Royal Dublin Society), inizio alle 19.10 locali (le 20.10 in Italia), arbitra il gallese Hennessy, il Benetton affronterà il Leinster nel 16. turno della Magners League. Una sfida che presenta le solite defezioni a causa degli impegni della nazionale nel Sei Nazioni. Al Benetton mancheranno i 13 giocatori -poi ridotti a 12 per il ritorno al club di Derbyshire- convocati da Nick Mallett in preparazione alla sfida di domani col Galles. A sua volta il Leinster, per lo stesso motivo, sarà privo di 10 giocatori. Una sfida che il Benetton affronta comunque con buone speranze di portare a casa il primo successo all’estero. «Puntiamo sempre alla prima vittoria in terra straniera -dice Franco Smith- ma non vogliamo mettere pressione ai ragazzi. Sarà una sfida molto dura. Il Leinster, anche senza nazionali, è sempre una squadra molto temibile, inoltre loro sanno che possiamo essere pericolosi e ricordano bene che li abbiamo battuti all’andata, quindi metteranno sul campo attenzione e impegno».

      Ma come si batte questo Leinster?

      «Bisognerà giocare come abbiamo fatto contro il Munster due settimane fa. Come al solito sarà importante il possesso e avere palloni di qualità, ma soprattutto non commettere errori. Fondamentale, comunque, non pensare alla vittoria. Se giocheremo come sappiamo, la vittoria potrebbe essere poi una conseguenza del lavoro fatto sul campo». Ancora una volta non è stato facile per Smith comporre il XV e gli 8 della panchina, anche perché si è messo di mezzo il problema di Botes che fino all’ultimo è stato in dubbio. Poi però ha dovuto desistere. E per fare numero, dal Petrarca è arrivato in prestito il seconda linea Michele Sutto, atleta del Benetton fino alla passata stagione e che partirà dalla panchina. Una Dublino nuvolosa ha dato ieri il benvenuto alla squadra trevigiana e così sarà anche stasera, quindi campo e pallone bagnati che metteranno a rischio eventuali sortite offensive e renderanno particolarmente problematico il gioco alla mano.      Franco Smith ha confermato quasi per intero il pack delle ultime uscite, uniche variazioni al tallonaggio, con Ceccato, e a sinistra della prima linea con il rientro di Rizzo. In mediana, come detto, non ci sarà Botes, quindi toccherà a Nitoglia prendere il suo posto visto che Picone non è ancora pronto; Maddock sostituirà Williams come estremo e nel triangolo allargato troverà spazio dall’inizio anche De Jager all’ala. La formazione: Maddock; Sepe, Galon, Vilk, De Jager; De Waal, Nitoglia; Filippucci, Padrò, Vermaak; Van Zyl, A. Pavanello; Fernandez Rouyet, Ceccato, Rizzo. A disp. Sbaraglini, Muccignat, Di Santo, E. Pavanello, Sutto, Pratichetti, Marcato e Picone.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in notizie dai quotidiani/periodici, rugby union. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...