Mirko Bergamasco – il calciatore dell’Italia ovale

Alcuni quotidiani, molti commentatori esperti, moltissimi opinionisti da bar, attribuiscono la sconfitta italiana di sabato scorso al Flaminio contro il Galles agli errori di Mirko (e poi anche di Orquera) dalla piazzola.
Mirko, ormai da mesi, si sta concentrando, allenando e sta affinando la tecnica del calciatore con esercizi specifici e da quest’impegno sono usciti dei risultati incoraggianti (vedi il test con le Fiji). Ma c’è un distiguo da fare: Mirko non è un calciatore naturale, è stato “costruito”, ovvero adattato a fare un qualcosa che per lui non è completamente istintivo, come invece lo era per Dominguez e lo è oggi per i vari Paterson, Hook, O’Gara, Wilkinson, Carter, e chi più ne ha più ne metta. Se per un calciatore “naturale” qualche partita può non essere al 100% delle aspettative, per uno adattato, invece, gli alti ed i bassi non si contano; l’affidabilità è precaria ed anche errori banali possono essere la norma.
La colpa delle vicissitudini di Mirko (e dell’intera allegra brigata italiana), va ricercata, invece, in chi non ha saputo, in tanti anni, scoprire e gestire almeno un calciatore naturale, di chi ha inventato quell’orrore che sono le accademie, produttrici di inutilità rugbistiche che ci allontanano da quei paesi nei quali il rugby è preso seriamente, di chi obbedisce (tecnici e consiglieri “signorsì”) alle logiche di una Federazione incompetente che ha nel suo massimo dirigente una persona che quando apre bocca lo fa solo per dare aria ai denti.

Franco

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in rugby union. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mirko Bergamasco – il calciatore dell’Italia ovale

  1. mondonuovo33 ha detto:

    L’Italia è obbligata a utilizzare l’ottimo Mirco Bergamasco come piazzatore perché non ha un mediano d’apertura, o un estremo, né affidabili nel proprio ruolo né tanto meno come cecchini. Mirco è nato come mediano di mischia e poi dopo come centro e in questi ruoli ha eccelso sebbene poi lo si sia voluti violentare, nell’era-Kirwan, come estremo e adesso, completamente fuori ruolo, come ala…
    Ad averne dei giocatori poliedrici come Mirco, altroché. Ma quello del cecchino non è il suo ruolo naturale nonostante un immenso lavoro tecnico che sta svolgendo da tempo. Fate tornare Bortolussi come estremo e puntate tutto su Marcato all’apertura: razza di incompetenti disastrati e prezzolati! Provate a provare vergogna nel dovere sempre e solo dipendere dai voleri dei procuratori dei giocatori…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...