Si avvicina il Mondiale

Tra tre mesi e mezzo ci saremo. Sarà la volta del Mondiale di Rugby numero 7 che verrà organizzato esclusivamente in Nuova Zelanda.
I padroni di casa appaiono come i grandi ed indiscussi favoriti e, francamente, diventa difficile trovare una valida alternativa.

L’Australia ha chiari problemi in mischia che non è riuscita mai a risolvere in questo quasi-quadriennio in cui il guru si chiama Robbie Deans. Sebbene molto bravi sui punti d’incontro, i Wallabies soffrono ancora parecchio in mischia chiusa, reparto tutt’altro che trascurabile.

Il Sud Africa, campione del mondo in carica, continua nemmeno tanto velatamente ad avere problematiche razziali e quel che è peggio è guidato da un perfetto idiota che di rugby capisce come un dromedario. Quello che diventa anche peggio è l’arroganza e la stupidità con cui Peter de Villiers chiede e pretende di sapere e decidere. Il gruppo è anche logoro in alcune sue pedine chiave che, non è un mistero per nessuno, dopo il Mondiale lasceranno la leggendaria casacca Bokke come Matfield, capitan Smit e alcuni altri.

L’Inghilterra ha parecchie lacune da colmare sebbene nel recente Sei Nazoni abbia avidenziato progressi incoraggianti. Martin Johnson sembra, ripeto SEMBRA, abbia capito come giostrare al meglio la qualità di cui dispone e adesso bisognerà vedere cosa riuscirà a fare sui pesanti campi kiwi.

L’Irlanda potrebbe essere una gradita sorpresa. La squadra sa benissimo che il leggendario Brian O’Driscoll lascerà dopo il Mondiale per cui farà di tutto per permettergli di andarsene con una nota di alta positività. La prima linea di mischia non è proprio all’altezza di quella di qualche anno fa e su questo Gert Smal dovrà lavorare parecchio in questi mesi.

Ci si stupisce, FORSE, che la Francia abbia lasciato a casa Sebastien Chabal ma da tempo costui era fuori forma. Ci ha rimesso le penne anche Clément Poitrenaud, che rimane un artista, ma d’altronde Marc Lièvremont aveva bisogno di solidità massima tanto da recuperare Fabien Barcella, Fulgence Ouedraogo, Louis Picamoles e Maxime Mermoz. A mio parere i Coqs rimangono l’unico XV del Mondiale in grado, in una giornata di lucida e purissima follia, di sgambettare gli All Blacks.

Il Galles è un gruppo alla ricerca di sé stesso dopo non essere stato capace in questi ultimi tre anni di costruire su quanto di buono aveva fatto Warren Gatland nel primo anno della sua gestione. La mischia appare certamente il punto più vulnerabile e la cosa non appare di poco conto visto che si tratta della zona nevralgica della squadra.

La Scozia di Andy Robinson si presenterà senza nulla da perdere alla rassegna. Qualche buon volto nuovo è emerso e lo spirito del gruppo rimane alto. Se a questo il coach inglese fosse capace di aggiungere qualità nel gioco e costanza di rendimento allora…

Poi c’è l’Italia delle mezze figure. Che sa già che il tecnico Nick Mallett se ne andrà. Molti giocatori sono stanchi e con lui non hanno mai costruito un rapporto di piena fiducia.

Infine l’Argentina. Non sono più lo spauracchio di quattro anni fa indipendentemente dalla presenza incerta del Mago Hernández se mai potrebbe esserci. Santiago Phelan però è un furbacchione e di lui è meglio non fidarsi.

Per cui preghiamo le divinità verso cui siamo credenti affinché gli All Blacks non vincano la Coppa perché sennò la loro proverbiale boria diventerebbe ancora più insopportabile. Ma ci pensate a uno come Graham Henry? E a sua moglie? Non la smetterebbero più di auto-celebrarsi…Fingers crossed!!!

Giampaolo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in rugby union, rwc 2011. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...